Combinazione intelligente di cavi e onde radio

Trasmissione del segnale a casa propria – criteri di scelta

Per molti proprietari di case le onde radio sono una valida alternativa quando si tratta di trasmettere dati poco pesanti. Il cablaggio, però, ha notevoli vantaggi in molte applicazioni.

Finalmente a casa dopo il lavoro. Parte la musica e si accendono le luci. Con due tasti si può ricreare un’atmosfera accogliente. E lo si fa sempre di più tramite telecomando, via onde radio. Un collegamento via fili non ha senso se si tratta di trasmettere brevi impulsi di comando. Infatti, il segnale “luce” arriva a destinazione al massimo in un millisecondo, e viene inviato due o tre volte al giorno.

Portata di 300 metri

Per molti proprietari di case, questi tempi d’invio estremamente brevi rappresentano un motivo per puntare sulle onde radio. In effetti, questa tecnologia fa parte della nostra vita quotidiana ormai da anni, che si tratti di aprire il garage o di usare il baby-phone. Per questi collegamenti si usano le frequenze radio 434 o 868 megahertz. La loro portata in campo libero è all’incirca di 300 metri, sufficiente per attivare le tende da sole anche se ci si trova in un giardino molto esteso. Tuttavia, pareti e soffitti costituiscono degli ostacoli, di modo che all’interno dell’abitazione la distanza ricezione sicura del segnale risulta dimezzata.

Non dimenticare le batterie

Molti componenti connessi via onde radio, come ad esempio i sensori, non sono allacciati alla rete elettrica di 230 volt. Il motore delle tende da sole, invece, va a corrente, per cui il dispositivo di comando associato non ha bisogno necessariamente di una batteria. Benché la durata di vita delle batterie sia aumentata negli ultimi anni, la loro sostituzione resta una questione di tempo.

Vantaggi del cablaggio

La trasmissione via cavo degli impulsi ha molti vantaggi, tra cui innanzitutto una qualità di prestazioni più elevata. Inoltre, una guaina metallica protegge il segnale dalle interferenze. Se la guaina però è sotto tensione, diventa un pericolo. Perciò non è permesso inserire i collegamenti delle comunicazioni all’interno degli stessi condotti dei fili elettrici a 230 volt. Questo rischio non sussiste con le reti in fibra ottica, perché sono ricoperte di plastica. Le fibre ottiche trasmettono impulsi luminosi, per cui non disturbano gli impulsi elettrici. Nel linguaggio tecnico queste fibre si chiamano „Plastic Optical Fibre“ (POF).

Meno adatta alle abitazioni private è la trasmissione di segnali attraverso la rete elettrica di 230 volt. Non si possono escludere interferenze, soprattutto in caso di più utenti sulla stessa linea. Ciononostante, molti “scommettono” su questa cosiddetta powerline, perché se esiste già l’allacciamento si rendono necessarie solo minime installazioni aggiuntive. Questa tecnica ricorda il segnale ad anello, impiegato in alcuni posti dalle centrali elettriche per controllare i boiler elettrici. Nel tardo pomeriggio, quando vengono accese molte piastre della cucina, l’impulso ad anello stacca la caldaia.

Ancora molto diffusi i cavi di rame

La maggior parte dei cavi di collegamento esistenti nelle case private sono Ethernet, vale a dire cavi di rame. Generalmente negli edifici più vecchi ci sono soluzioni miste per far pervenire a casa i dati attraverso la rete pubblica a fibre ottiche. Dalla connessione alla casa fino alle prese multimediali delle camere si usano i cavi di rame. All’interno delle stanze, invece, il collegamento del segnale avviene tramite onde radio, ad esempio per l’illuminazione, le tende da sole e gli apparecchi da intrattenimento. Con questo abbinamento si può combinare la sicurezza operativa con la flessibilità necessaria per eventuali modifiche o estensioni.

Proteggere i dati online per minimizzare i rischi

Benché i rischi online tendino ad aumentare, molti utenti di Internet mantengono un atteggiamento spensierato

Leggere

Tutte le novità ed i suggerimenti direttamente a casa, grazie alla nostra Newsletter:

Iscrivetevi ora.

Consulenza personale nelle vostre vicinanze.

o

Ci avvaliamo di cookie per facilitare l’utilizzo delle nostre pagine web. Proseguendo nell’utilizzo delle nostre pagine web, l’utente accetta l’impiego dei cookie e le disposizioni sulla protezione dei dati dell’Associazione svizzera d'acquisto elettrico aae società cooperativa. Per maggiori informazioni in merito alla protezione dei dati e ai cookie, invitiamo l’utente a consultare la nostra informativa sulla protezione dei dati.

Accettare